YouTube
Instagram
Twitter
Facebook
Contatti

06/06/2024 di informare.it

ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood chiedono un cambio di passo nella politica UE per il trasporto ferroviario delle merci

Necessarie misure per rafforzare la concorrenza inter e intra-modale, assegnare priorità ai finanziamenti al settore e adeguare le infrastrutture

 

Bruxelles/Berlino/Langbroek | 4 giugno 2024

C'è bisogno di un cambio di passo nelle politiche dell'UE per il mercato del trasporto ferroviario delle merci. Lo sottolineano associazioni europee del settore ferroviario e intermodale European Rail Freight Association (ERFA) e International Union for Road-Rail Combined Transport (UIRR) e l'associazione tedesca Die GŁterbahnen e quella olandese RailGood che oggi hanno presentato un documento congiunto nel quale formulano proposte per la prossima legislatura 2024-2029 del Parlamento europeo.

Secondo ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood, sinora la politica ferroviaria dell'UE è stata troppo debole per consentire una crescita della quota di mercato del trasporto ferroviario delle merci. La proposta delle quattro associazioni volta ad attuare una politica ferroviaria europea più risoluta è incentrata principalmente sul rafforzamento della concorrenza inter e intra-modale, sull'assegnazione della priorità ai finanziamenti al settore ferroviario e sull'adeguamento delle infrastrutture ferroviarie.

Relativamente all'aspetto della concorrenza, ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood evidenziano che la perdurante posizione dominante delle ferrovie statali nella maggior parte dei Paesi europei ostacola la modernizzazione e la crescita delle ferrovie in un mercato aperto dei sistemi di trasporto. Per le associazioni, la politica europea deve promuovere attivamente la concorrenza leale tra i fornitori di servizi ferroviari e gli Stati membri devono concentrarsi sul loro compito principale che è quello della manutenzione, adeguamento e sviluppo dell'infrastruttura ferroviaria. Per consentire la crescita, le quattro organizzazioni chiedono, in particolare, un miglioramento dei regolamenti operativi, standard tecnici a livello europeo e procedure amministrative semplificate, ma anche condizioni di mercato eque per quanto riguarda le strutture delle tariffe e i meccanismi di controllo.

Quanto ai finanziamenti ai trasporti, ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood ritengono necessario che la politica crei finalmente le giuste condizioni per raggiungere gli obiettivi climatici e dei trasporti dell'UE e - sottolineano - sono quindi favorevoli ad un coordinamento dei flussi di finanziamento a tutte le modalità di trasporto tenendo conto dei criteri climatici e ambientali, nonché ad abolire gli aiuti e le agevolazioni fiscali che favoriscono il trasporto merci su strada e che - evidenziano le associazioni - sono dannosi per l'ambiente. Inoltre ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood specificano che il trasferimento del trasporto delle merci dalla strada non può avere successo senza una strategia che fornisca incentivi al settore dei trasporti marittimi.

Con l'obiettivo di un adeguamento delle infrastrutture ferroviarie, le quattro associazioni sottolineano la necessità che il trasporto merci su rotaia venga concepito e sviluppato in chiave europea, dato che un treno merci su due attraversa almeno un confine nazionale. A tal fine ERFA, UIRR, Die GŁterbahnen e RailGood hanno ribadito di essere favorevoli ad un'introduzione accelerata a livello europeo del sistema ERTMS/ETCS di gestione, controllo e protezione del traffico ferroviario, ma chiedono procedure di approvazione assai più semplici e una strategia di finanziamento armonizzata. La richiesta è anche di rendere più efficienti i valichi di frontiera, di apportare miglioramenti per ridurre il rumore del trasporto ferroviario e di creare una strategia per un'energia “verde” per la trazione ferroviaria.

Fonte Informare

 

Logo MIMS

Logo MIMS

ZES - LE SFIDE PER I COMMISSARI STRAORDINARI

WEBINAR, 7 APRILE 2022 ORE 18

Leggi