banner-home-600X120

HOME PAGE

MERCINTRENO 2016

ROMA  4-5 OTTOBRE

Per il ferroviario merci, il 2016 è iniziato con buona notizia che speriamo possa essere la prima di tante altre che il mondo dei trasporti si attende da tempo: sabato 16 gennaio 2016 i primi convogli merci per il combinato strada-rotaia di FFS Cargo hanno attraversato la galleria di base del San Gottardo per la verifica dei carri. L’evento unitamente alle novità degli ultimi mesi del 2015 alimenta un clima di ottimismo per il superamento della crisi del settore le cui cause sono ampiamente conosciute e condivise.

Pensiamo, ad esempio,

  • ai contenuti del Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica e del recente schema di decreto legislativo di riforma delle autorità portuali approvato dal Consiglio dei Ministri contenente fra l’altro norme di semplificazione (lo sportello unico doganale, lo sportello unico amministrativo e lo sportello unico di controllo);
  • agli incentivi dalla legge di Stabilità per il trasporto intermodale e i servizi di trasporto ferroviario (ferrobonus circa 20 milioni di euro per ogni anno dal 2016 al 2018) a quelli per marebonus (5,4 milioni di euro nel 2016, 44,1 milioni nel 2017 e 48,9 milioni nel 2018);
  • all’annunciato Documento di Programmazione Pluriennale per la razionalizzazione gli atti strategici e di indirizzo vigenti;
  • al rafforzamento del ruolo dell’Agenzia ferroviaria europea per il rilascio della certificazione di sicurezza degli operatori ferroviari e dell’autorizzazione dei veicoli ferroviari per veicoli destinati al mercato di vari paesi dell’UE;
  • agli effetti delle determinazioni assunte al COP21 di Parigi e alla possibilità di attingere ai finanziamenti europei;
  • e da ultimo all’annuncio del MIT della prossima adozione di linee guida di indirizzo strategico per il ferroviario merci e l’intermodalità che riguarderanno interventi infrastrutturali di semplificazione e velocizzazione e normative e azioni di sostegno.

Insomma finalmente qualcosa sta cambiando.

Certo non sarà facile passare da una teorica inversione di tendenza ,se pur confermata da provvedimenti riformatori ancora lontani ,pero’, dall’essere operativi, a risultati che possano fare recuperare in tempi brevi il gap che ci separa da paesi come la Francia e la Germania. Ma certamente è l’avvio di un percorso virtuoso che potrebbe consegnarci un sistema in grado di rispondere alle esigenze di un mercato complesso e in continua evoluzione influenzato da fattori geopolitici che vanno ben oltre la realtà italiana.

Per quanto ci riguarda continueremo a fare la nostra parte con la convinzione che il comparto meriti   una apertura di credito per un potenziale sviluppo su cui vale la pena puntare.

In tal senso ci piace pensare che Mercintreno, in questi anni di difficoltà, nel suo piccolo, abbia contribuito a tenere alta l’attenzione sul ferroviario merci e sull’esigenza di assicurare al settore, in una logica di sistema/intermodalità, la competitività e la sostenibilità necessarie per affrontare le sfide di un mercato oramai globalizzato.

In questo quadro di motivazioni e aspettative positive ci apprestiamo ad organizzare la 8^ edizione del Forum certi di poter dare anche quest’anno il nostro contributo per la promozione del settore. Affronteremo temi di stretta attualità come il problema della governance e dell’efficienza del sistema anche attraverso nuove piattaforme tecnologiche e relativi costi . Nei seminari tecnici verranno approfonditi i profili di maggiore criticità come la velocita commerciale, i costi di produzione del servizio e il ruolo degli stakeholders per la ripresa del cargo ferroviario.

(A. S. 05/02/2016)

PROGRAMMA

Ultime news

COME PARTECIPARE

banner

PATROCINI ISTITUZIONALI

no images were found

MEDIA PARTNERS

no images were found

CONTATTI

www.mercintreno.it
Federmobilità
Via Vicenza, 26 - 00185 Roma
P.IVA 07866471001

MERCINTRENO SUI SOCIALS

design Naviga Studio
© 2013 MERCINTRENO | Tutti i diritti riservati.